LE MONT 2004 SEC Appelation VOUVRAY Controlee Domaine HUET

 

Domaine Huet può contare oggi su ben 23 ettari di vigneto divisi tra tre cru: Haut Lieu, Le Mont e Clos du Bourg . Da queste tre vigne si ottengono diversi stili di vini; dalle versioni ‘sec’ (3-5 g/l zucchero residuo) e ‘demi-sec'(10-20 g/l) ai ‘moelleux’ e ‘moelleux premier trie’ (con oltre 30 g/l di zucchero residuo nel primo, 60 – 100 g/l addirittura nel secondo). Ognuna delle tre vigne in questione dispone di piante più giovani e piante molto vecchie secondo proporzioni piuttosto precise: 15% tra 1 e 10 anni, 35% tra 10 e 30 anni, 50% tra 30 e 50 anni. E’ solo ed eslusivamente la peculiarità di ogni singolo terroir (in particolare la diversa composizione e stratificazione dei terreni) a determinare il diverso stile e le caratteristiche specifiche di ciascun vino. Le Mont è una collina di otto ettari dal suolo ciottoloso composto da un’argilla di color verde mista a tracce di silicio. L’unico vitigno autorizzato dall’Appelation Vouvray Controlèe è lo Chenin Blanc o Pineu de Loire. Il calice si colora di un giallo paglierino dai vivaci riflessi verdolini.

Al naso esplode in un’intensa ed elegante performance minerale. Il tratto distintivo è una nota leggermente fumé rifinita da aromi delicati che profumano di fiori di campo. In bocca entra, strutturato ed equilibrato, vivo e scattante. Chiude sapido e lungo nel finale dove ritornano note di frutta bianca matura, in particolare di pera. Abbinamento per immagini che potrebbe farvi tribolare un pochino. Lo sapete, infatti, che alcuni film quasi non si trovano più?!. Distorsioni della moderna distribuzione cinematografica che li ha resi praticamente irreperibili. Fearless con Jeff Briges, Isabella Rossellini e John Turturro di Max Klein. Dello stesso regista vi consiglio la surreali atmosfere australiane dell’inquetante ‘Picnic at Hanging Rock’ oppure del sognante  ‘The Last Wave’.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.