OUTIS Etna Rosso Doc 2002 VINI BIONDI

 

Ancora oggi quando si parla di rossi del sud Italia, nella mente di molti, il pensiero corre velocemente a vinoni rustici, alcolici e concentrati. Eppure i risultati raggiunti in alcune aree di particolare elezione stanno dimostrando la possibilità di realizzare vini completamente diversi dai profumi eleganti e sottili sfumature, ampiezza e complessità di sensazioni. E’ opinione diffusa, per non dire universalmente riconosciuto, che l’Etna sia tra questi terroir magici in grado di regalari vini, allo stesso tempo, di straordinaria finezza e struttura. Ciro Biondi produce i suoi vini coltivando le vigne che si estendono sul versante sud-orientale del vulcano. Il suo Etna Rosso è ottenuto da uve Nerello Mascalese con un saldo di 20% di Nerello Cappuccio. L’enologo è il bravissimo Salvo Foti immenso conoscitore oltre che appassionato produttore in proprio su queste terre. Il colore del vino è un rubino leggiadro e vivace. Il naso è cangiante, muta dolcemente nel bicchiere passando da note di piccole bacche rosse a sentori floreali e di erbe aromatiche. Il rovere appare ben integrato suggerendo piacevoli divagazioni balsamiche e speziate. Lo sfondo rivela la tipica e ricca mineralità del sottosuolo, generosa di ceneri e grafite. Al palato rivela corpo e sostanza senza cadere in eccessi. Il finale è giocato sull’equilibrio tra le sensazioni dolci del frutto, la freschezza acida e la sua irriverente verve sapida.

‘Sogno una società dove venga data a tutti i ragazzi la possibilità di avvicinarsi a uno strumento. La loro vita vicino alla musica cambierebbe radicalmente e chissà, si avrebbe più rispetto per la cultura, per la propria esistenza, senza anestetizzare la mente nell’inutile sforzo di vivere i sogni degli altri’, Giovanni Allevi.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.