WHITE EXPERIENCE 2009

 

 

1. Maridda (Grillo) 2003 Fattoria Fiamminga 81/100 

maturo ed evoluto dal fascino decadente.

 

2. Terre di Franciacorta (Chardonnay) 2004 Il Pendio 87/100

interpretazione fresca, snella e dinamica, del vitigno francese.

 

3. Domaine du Vodanis (Chenin) 2001 Huet 85/100

serbevolezza, riconoscibilità e prezzo faverovole.

 

4. Coda di Volpe 2006 Perillo 88/100

vitigno considerato minore, in Irpinia regala, talvolta, risultati davvero straordinari.

 

5. Vigna della Congregazione (Fiano di Avellino) 2006 Villa Diamante 86+/100(?)

un sospetto di tappo ne condiziona il giudizio complessivo.

 

6. Soave Classico Calvarino (Garganega) 2004 84/100

bottiglia sottoperformante: manca della giusta tensione e coinvolgimento.

 

7. Gewurtztraminer 2003 Garlider 91/100

rimane, ancora oggi, il traminer aromatico italiano più buono che abbia mai bevuto.

 

8. Greco 2005 Cantina del Taburno 82/100

dopo un inizio promettente mostra il fianco ad un alcol un po’sopra le righe

 

9. Solaria (Inzolia) 2003  Fattoria Fiamminga 89/100

sorpresone della serata: complesso, fine, secco ed austero.

 

10. Cuvèe Eden (Muscadet) 2001 Domaine de la Pepiere-Marc Ollivier 85/100

teso e vibrante, un po’ monocorde sulla distanza.

 

11. Vorberg (Pinot Bianco) 1999 Terlano 83/100

ultimo grande Vorberg sfornato da Terlano(?): concentrato e balsamico con legno in evidenza.

 

12. Sylvaner 2003 Garlider 87/100

un ottimo sylvaner dalle spiccate sensazioni idrocarburiche e di erbe aromatiche.

 

13. Riesling 1997 Zind Humbrecht 85/100

ricco e largo, sembra aver superato il suo apice gustativo.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.