RUVIDO

 

‘A’ chiattona’, sì lo so non è carino. Ma la figlia di Alain Michelot rimarrà per sempre ‘a’ chiattona’ anche se dovesse dimagrire 50 kili. Ed  il mitico Giampiero (Pulcini) il suo promesso sposo… Durante la visita in cantina, di tre anni fa, tante risate e tanti buoni vini. Non ricordo punte di eccellenza ma una mano sicura e precisa, vini definiti e coerenti. Non mi dite (sto pensando a te Magister…) che da Nuits Saint George non puoi aspettarti di più perchè penso ai deliziosi Premier Cru di Cathiard ed aspetto di leggere cosa mi dici… Les Vaucrains 2002 di Michelot è un ottimo, gran bel vino. Millesimo straordinario, vigna di tutto rispetto. Al naso non gli manca nulla o quasi: rigore, complessità, frutto, spezie, mineralità. Al palato non delude le aspettative: succo, sale, acidità. L’unica cosa che lascia quell’attimino interdetti è la sensazione rugosa del tannino che fa tanto Nuits Saint George lasciandoti le gengive impolverate. Macchissenefrega (87+).

Ogni volta che stappo una bottiglia di Michellot mi ricorderò sempre di Giampiero, la chiattona e di quella divertentissima giornata trascorsa con gli amici…

Cosa si può chiedere di più ad una buona bottiglia di vino, o sbaglio ?!  

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.