Euthymia: prove tecniche di degustazione a cura di Fabio C.

Euthymia: prove tecniche di degustazione a cura di Fabio C.


"Il vino di qualità migliore è quello moderatamente forte e dal profumo delicato. Quando penetra in bocca, lusinga le narici e conforta il cervello. Si lega bene al palato senza ferirlo, al cuore dà gioia ed allegria!."(Le segré des segrez). Riflessioni per ricollocare il Vino nell'ambito di una cultura dietetica ed estetica. Per tradurre la degustazione in emozioni e sensazioni. Per rileggere etichette e vini nel segno della tradizione e della convivialità. Un viaggio nell'interiorità del vino. Una questione di rispetto e di gusto. Un diario personale per ripercorrere assaggi, esperienze e momenti speciali. Nessun riferimento spaziale o temporale. "Uomini dalle piccole ambizioni morali fanno vini (e non solo vini) dalle piccole ambizioni estetiche". Bevo... ergo sum!!!

Home | My Profile | Archives | Friends | Album fotografico

La crisi ?!

Inviato alle 11:54 il Feb. 7, 2015

 

 

 

“Io non credo che l’Italia sia in crisi. Sarò nato nel posto sbagliato, ma la mia idea di crisi è qualcosa che ha a che fare con bombardieri che radono al suolo il tuo paese e reggimenti di ss in ritirata che fanno saltare i ponti e razziano ogni cosa. La mia idea di crisi sono intere famiglie sfollate nei fienili al freddo e mamme che cuociono i topi per sfamare i propri figli. […]. Questo per me vuol dire essere in crisi. E l’Italia non è a questo punto. Non più, fortunatamente.
L’Italia ha semplicemente scelto di morire grassa. Non c’è crisi se la maggior parte dei figli ha telefoni da seicento euro. […] E non c’è crisi se per anni cerchi un sostituto pizzaiolo tra i giovani senza lavoro e non trovi nessuno, perché si sentono offesi se gli chiedi di lavorare il sabato e la domenica. […] Ecco, l’Italia ha scelto di morire grassa, mentre è impegnata nell’aperitivo.”

 

Cristiano Cavina (La Pizza per autodidatti - Marcos y Marcos 2014)

 

 

Commenti (0) | Invia un commento! | Link

SOSPESO

Inviato alle 13:24 il Feb. 4, 2015

 

 

 

 

Putesse essere allero

 

E dimme quacchecosa nun me lassà’
accussì
stasera sto sballato che voglia ‘e partì
cu’ ddoje parole ‘mmocca e tanta
semplicità
putesse essere allero
E dimme quacchecosa nun me lassà’
accussì
‘o viento sta passando e je ‘o voglio sentì
affondo ‘e mani dint’a terra e cerco ‘e
nun guardà’
e nun me pare overo
Putesse essere allero e m’alluccano
dint’e recchie
e je me sento viecchio
putesse essere allero cu mia figlia mbraccio che me tocca ‘a faccia e nun me’ fa vedè
E dimme quacchecosa nun me lassà’
accussì
me sento nu criaturo ca nun po’ fà’ pipì
vulesse arrubbà’ senza me fà’ vedè’
tutt’e facce d’a ggente
E dimme quacchecosa nun me lassà’
accussì
‘o viento è già passato nun pozzo cchiù
sentì’
e m’ha rimasto ‘ncuollo l’addore d’o
magnà’
e nu poco ‘e mare
Putesse essere allero cu nu spinello
‘mmocca
cu ‘ e mmane dint’a sacca
putesse essere allero cu na parola sola
ca me desse calore senza me fà’
sunnà’.

 

 

 

Commenti (0) | Invia un commento! | Link

BEVIBILITA' VERSUS BEVIBILITA'

Inviato alle 11:47 il Jan. 28, 2015

 

 

 

 

VS.

 

 

 

 

Gara a due. Due mostri di bevibilità...

Si aggiudica la sfida il Pinot Noir di Dominique Rogier. Anche se trattandosi di un sfida di pura bevibilità, chi ritiene unico metro di giudizio la velocità con la quale viene svuotata la bottiglia, avrebbe sicuramente proclamato vinvitore il Gamay di Paul Brun...

 Il punto è che se è pur vero che il Beaujolais di Terres Dorees scende giù come l'acqua è altrettanto vero che per lo stesso motivo non riesce, alla fine dei giochi, a lasciare alcuna traccia indelebile di sè nella memoria gustativa. Al contrario il Sancerre Rouge fa della sua più appariscente spigolosità, mi riferisco alla dura asprezza in chiusura, anche il suo più interessante punto di forza sia in termini di personalità che persistenza.

 

 

 

Commenti (0) | Invia un commento! | Link

E' UN FUTURO DIVERSO!

Inviato alle 13:54 il Jan. 23, 2015
Commenti (0) | Invia un commento! | Link

Domaine GAUBY: Grands Cru de Roussillon

Inviato alle 15:49 il Jan. 18, 2015

 

 

 

Catalogne Nord

 

 

Ne avevo solo sentito parlare (bene) ma non avevo mai provato nulla e nulla sapevo dei vini.


Les Calcinaires 2013: bianco luminoso, complesso e di estrema piacevolezza. Purtroppo non sono riuscito ad amarlo fino in fondo perché ci sentivo dentro delle folate terpeniche che successivamente ho scoperto ed imputato alla quota importante di Muscat (50%).


Se rileggo quanto costa mi alzo in piedi per una standing ovation. Sarebbe da far assaggiare a molti bianchisti italiani (delle mie parti e non) che vorrebbero vendere le loro bottiglie a certi prezzi assurdi...


Coume Gineste 2011:  cazzo che vino! Di una mineralità rocciosa impressionante. Profondo e magnetico. Non c'è molto da aggiungere. Se non che in questo caso il prezzo diventa sicuramente più importante.

 

 

 

Commenti (0) | Invia un commento! | Link



<- Ultima pagina | Prossima pagina ->